Whatsapp, i trucchi per nasconderci: ascoltare gli audio e altre attività senza che nessuno lo sappia

Le spunte blu sono un po’ la bestia nera del popolo di Whatsapp. Ci sono amori naufragati e amicizia finite per colpa di incomprensioni nate proprio attorno a quel simbolo. Ecco un rimedio efficace per aggirarlo.   

Alzi la mano chi non ha mai letto di sfuggita un messaggio su Whatsapp, attivando così immediatamente le spunte blu sullo smartphone del mittente, ma non ha avuto tempo per rispondere seduta stante. Succede un po’ a tutti, nella frenesia della vita d’oggi giorno. Purtroppo, però, non sempre il nostro interlocutore crede che la dimenticanza sia in buona fede. Il rischio di tensioni, incomprensioni e feroci litigate è dunque dietro l’angolo. Fortunatamente esiste una via d’uscita…

whastapp audio disabilitare spunte blui
Whatsapp – Fonte AnsaFoto (Parolibero.it)

Tre escamotage per gli utenti di Whatsapp

Come molti di voi già sapranno, attualmente è possibile disabilitare le spunte blu per i messaggi di testo su Whatsapp, attraverso il comando “Opzioni”, ma stranamente non è prevista la stessa possibilità per i messaggi vocali. La buona notizia è che ci sono tre trucchi per ascoltare gli audio di WhatsApp senza attivare quel simbolo.

Innanzitutto, prima di ascoltare il messaggio audio possiamo attivare la modalità aereo: in tal modo interromperemo sia la connessione Wi-Fi, sia lo scambio di dati col nostro gestore telefonico. Quando poi andremo ad ascoltare il vovale, WhatsApp non sarà in grado di trasmettere la notifica al mittente. Sin tratta di un escamotage piuttosto semplice. Unica pecca: su alcuni dispositivi la notifica di ascolto viene mandata subito dopo aver riattivato la connessione.

whatsapp audio disabilitare spunte blu
Whatsapp – Fonte AnsaFoto (Parolibero.it)

In secondo luogo, possiamo inoltrare il messaggio in un gruppo, sfruttando le funzionalità di WhatsApp per evitare di ascoltare il messaggio direttamente nella chat. Come si fa? Semplice: basta creare un gruppo di WhatsApp vuoto (anche con una sola persona), poi andare nella chat dove abbiamo ricevuto il messaggio vocale e selezionalo, quindi premere sul pulsante “inoltra” e selezionare il gruppo vuoto. A quel punto possiamo ascoltare il messaggio senza che nessun altro lo sappia. C’è però un inconveniente: in tal modo creiamo ogni volta una copia del file nella memoria, col rischio, a lungo andare, di intasarla.

Terza opzione: scaricare un’apposita app dal Play Store. E’ una soluzione praticabile solo per chi ha un dispositivo Android, e in questo caso non occorre interrompere la connessione né copiare alcun file. Si tratta di un’app che permette di ascoltare l’audio aggirando WhatsApp: si chiama Opus Player ed è un audio player per il formato opus, quello utilizzato da WhatsApp per registrare le note vocali. Anche in questo caso la procedura è molto semplice: dopo aver ricevuto l’audio, apriamo Opus Player, selezioniamo il giorno e il mese corrente dall’apposito elenco, e il gioco è fatto: l’ultimo messaggio vocale ricevuto comparirà alla fine della lista, basta selezionarlo e premere il pulsante “play” per ascoltarlo. Non solo: l’app ha anche un widget che consente di aprire il file direttamente da WhatsApp. A voi la scelta…

Impostazioni privacy